venerdì 23 agosto 2019
  •   |  -A
  •   |  A
  •   |  +A
Sei in : Home » Affido Familiare » L'Affidamento Familiare

Ricerca nel Sito

PARTNERS

Regione Lazio ASL LAtina Distretto Socio Sanitario LT1 Comune di Aprilia Comune di Cisterna di Latina Comune di Cori Comune di Rocca Massima Astrolabio Coop. Soc. Cotrad Coop. Soc.
Cos’è l’affidamento familiare

Con l’affidamento familiare un minore, temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, è accolto da un nucleo familiare diverso dal proprio, senza interrompere i contatti e le relazioni affettive con i suoi parenti, per un tempo che può variare in funzione delle esigenze sue e della sua famiglia.

L’affidamento familiare è un istituto giuridico, previsto dalla legge N.184/1983 successivamente modificato dalla legge N.149/2001, che sancisce il "Diritto del minore ad una famiglia", preferibilmente quella di origine, o affidataria se temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, adottiva se è accertato lo stato di abbandono e dichiarata l’adottabilità.

E’ un intervento di aiuto rivolto al minore ed alla sua famiglia.
Un minore appartenente ad un nucleo familiare non in grado o impossibilitato a garantirgli condizioni di vita adeguate alle sue necessità affettive, educative e di accudimento, indispensabili per un sano sviluppo psico-fisico, tanto da rendersi necessario il suo allontanamento provvisorio, può essere temporaneamente affidato ad una famiglia o ad una persona singola, capace di soddisfare le sue specifiche esigenze di crescita (mantenimento, istruzione, educazione, relazione affettiva, ecc…). Durante il periodo di affidamento familiare i servizi sociali competenti attuano tutti gli interventi necessari per aiutare la famiglia di origine del minore a superare i problemi al fine di favorire il ricongiungimento del minore alla propria famiglia. Il minore in affidamento familiare incontra periodicamente i propri familiari, secondo i tempi e le modalità stabilite dagli operatori sociali incaricati e concordati con tutti i soggetti coinvolti. Pertanto, l’affidamento familiare è un intervento di sostegno attuato per sopperire alle difficoltà di un minore e della sua famiglia di origine.

Un affidamento familiare può avere una durata breve, media o lunga secondo la specificità di ciascuna situazione.

La legge stabilisce che l’affidamento familiare “non può superare la durata di ventiquattro mesi ed è prorogabile dal Tribunale per i Minorenni, qualora la sospensione dell’affidamento rechi pregiudizio al minore”

Dal punto di vista formale, esistono due tipi di affidamento familiare:

  • Affidamento familiare consensuale, quando la famiglia di origine del minore, consapevole delle proprie momentanee difficoltà, chiede, attraverso i servizi sociali, di essere aiutata nello svolgimento del compito di genitori avvalendosi di un intervento di affidamento familiare, che viene formalizzato con un provvedimento amministrativo.
     
  • Affidamento familiare giudiziale, quando le esigenze di tutela del minore sono tali per cui il provvedimento viene emesso di autorità dal Tribunale per i Minorenni indipendentemente dal consenso della famiglia di origine.

In entrambi i casi, comunque, gli obiettivi e le finalità dell’affidamento familiare rimangono i medesimi.

Indice Contenuti

Documenti pdf

Se non si dispone di Acrobat Reader per visualizzare i file in formato PDF cliccare sull'icona per scaricarlo gratuitamente.

Scarica Acrobat Reader

Ultima Modifica: 28 maggio 2015
Numero Accessi: 3.124
Stampa    Invia    Preferiti       Condividi su
© 2014-2019 Spazio Affido
Spazio Affido - Viale XXI Aprile, 53 Latina 04011 - Tel. 0773 666315 - Fax 0773 470100
CSS Valido!   Valid XHTML 1.0 Strict   W3C WCAG Double-A conformance